Cifre confortanti sia al C.S. Beato Pellegrino che al C.S. Giusto Antonio Bolis

169

   Assistenza agli anziani ospiti, oltre gli standard della Regione

Il livello della qualità dell’assistenza sanitaria, sociosanitaria e sociale è estremamente importante. Più è alto, più è efficiente la struttura accreditata ad erogare, ad esempio, prestazioni a persone anziane. Se il livello è basso non può esserci la qualità necessaria nell’offerta del servizio. C’è persino una legge (la numero 22 dell’agosto 2002) della Regione Veneto che intende tutelare il livello della qualità delle prestazioni agli ospiti delle strutture accreditate.

Come? Stabilendo i tempi standard che il personale dell’assistenza deve garantire alle persone ospiti della struttura nell’arco delle 24 ore.

Se la RSA, ad esempio, assicura un’assistenza con numeri più alti rispetto a quelli stabiliti dalla Regione Veneto vuol dire che garantisce un livello di qualità nell’erogazione del servizio assai attento e premuroso. Ed è questo particolare aspetto che un famigliare dovrebbe osservare nel momento in cui decide a quale struttura assistenziale affidare il proprio congiunto. Per intenderci facciamo un esempio: è la stessa cosa che succede quando si decide di immettere carburante nella propria auto; si osservano i prezzi medi regionali esposti nell’area d servizio e in base alle quote esposte viene decisa la scelta più conveniente.

Giusto chiedersi com’è il minutaggio dell’assistenza, settore per settore (escluso quello medico) ad AltaVita-Ira o al “Bolis” di Selvazzano.

Una rapida occhiata alle tabelle e si evidenza che la situazione è molto confortante in entrambe le strutture.

Al Centro Sevizi “Beato Pellegrino” tutti i ruoli funzionali superano le quote previste dalla Regione, per un totale (fra assistenza sanitaria, socio-sanitaria e sociale) di 237,32 minuti alla settimana per ospite, vale a dire con un surplus di poco inferiore alle 4 ore settimanali.  In particolare, nel settore “assistenza sanitaria” (infermieri) il delta positivo è di 37,34 minuti ospite-settimana, nell’”assistenza socio-sanitaria” (operatori socio-sanitari) cinque volte di più: 188,34 minuti.

Cifre analoghe, ugualmente positive, al Centro Servizi Bolis di Selvazzano. Con un più 140,95 minuti complessivo a settimana per ospite. Nel capitolo “assistenza sanitaria” (tempi di interventi degli operatori sanitari) il “Bolis” stacca un più 52,31 minuti a settimana per ospite, a conferma di una qualità eccellente nell’erogazione dei servizi.

I dati alle due strutture sono stati salutati con soddisfazione dal Consiglio di Amministrazione di AltaVita-Ira, che ha anche espresso l’impegno a migliorare ancora più questi dati nell’immediato futuro, grazie soprattutto alla collaborazione all’impegno di tutto il personale.