Obbligo vaccinale nelle RSA pubblicato il decreto legge.

64
obbligo-vaccinale-rsa

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto legge che introduce dal 10 ottobre l’obbligo della vaccinazione contro il coronavirus per tutti i lavoratori delle strutture residenziali, socio-assistenziali e sociosanitarie (come, ad esempio, le RSA e le strutture per gli anziani), già previsto, ma solo per gli operatori sanitari.

Ha poi esteso l’obbligo del Green Pass a chi accede a qualunque struttura scolastica, che siano scuole per l’infanzia, università o corsi serali. Quest’obbligo non varrà però per gli studenti, a eccezione di quelli universitari per i quali è già previsto dal primo settembre.

Questo il testo del provvedimento del governo che prende le mosse dal Decreto Legge 1 aprile 2021 n.44 convertito, con modifiche, dalla legge 28 maggio 2021, n. 76: “Dopo l’articolo 4 è inserito il seguente articolo 4 bis (estensione dell’obbligo vaccinale ai lavoratori impegnati in strutture residenziali, socio assistenziali e sociosanitarie) : Dal 10 ottobre 2021, fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, l’obbligo vaccinale previsto dall’articolo 4, comma 1°, si applica altresì a tutti i soggetti esterni che svolgono a qualsiasi titolo le proprie attività lavorative nelle strutture di cui all’articolo 1 bis”.

Giova ricordare innanzitutto che l’obbligo di vaccinazione è cosa diversa dall’obbligo di green pass, in quanto quest’ultimo si può ottenere anche con la guarigione dalla malattia Covid 19 o con la certificazione di tampone antigenico o molecolare negativo.

L’obbligo di vaccinazione antiCovid previsto dal nuovo decreto si applica a tutti i lavoratori impiegati nelle strutture residenziali, socio-assistenziali e sociosanitarie: hospice, strutture per anziani RSA , a qualsiasi titolo.

II rispetto dell’obbligo vaccinale è affidato i responsabili delle strutture e i datori di lavoro dei soggetti che a qualunque titolo svolgono attività lavorativa sulla base di contratti esterni.

Le modalità di verifica dell’adempimento dell’obbligo saranno definite con un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri adottato di concerto con il Ministro della salute, sentito il Garante per la protezione dei dati personali.

Il comunicato stampa del governo afferma che le nuove norme entrano in vigore da 10 ottobre e saranno efficaci fino al 31 dicembre prossimo, termine di cessazione dello stato di emergenza.